L’Atroce Dolore #1

atrodol1

Da tempi immemori che risalgono alla mia infanzia, quel volto urlante in scagliola (un gesso molto fine usato in edilizia e scultura) stava appeso nella sala in cui si tenevano i pranzi “ufficiali” con più di 5 persone.
Veniva familiarmente chiamato “L’Atroce Dolore” e noi bambini cercavamo sempre di evitare di sederci a tavola davanti all’inquietante scultura (“Mammaaaa… Mauro mi ha rubato il posto e mi tocca stare davanti all’atroce dolore…” e cose del genere).
Non stupirà nessuno il fatto che alla divisione dei beni ereditari, l’Atroce Dolore sia finito in casa mia senza alcun problema da parte dei fratelli.
E quindi eccolo lì, sopra il pianoforte a spaventare eventuali strimpellatori incompetenti ma abbastanza in angolo per non disturbare le notti dei bambini che ogni tanto – sempre più raramente – invadono la casa.
Siccome però “ogni scarraffone è bbello a mamma soia“, mi ci sono affezionato e – come per tanti altri oggetti antichi che ho in casa – ho cercato di approfondire la conoscenza di questa scultura ed eventualmente trovargli una storia sufficientemente interessante e verosimile almeno per un post sul forum.

Eccolo qui in dettaglio, sperando di non spaventare le anime gentili:

a39b

L’unica informazione che porta è una sigla, “A39”, incisa sulla base probabilmente dall’autore, a giudicare dall’antica patina che non è diversa dal resto della scultura.

a39-sigla

La patina ingiallita della scagliola testimonia un’età antica, almeno un secolo, ma l’espressione fortemente drammatica – quasi da “Urlo” di Munch – mi sembrava piuttosto moderna, avrei detto una cosa da fine ‘800 inizio ‘900, un esercizio “espressionista” di ignoto scultore.
Mi sbagliavo: incredibilmente il modello di quel volto urlante potrebbe risalire al XV secolo, tra il 1463 e il 1490, ed avere un nome e cognome che apre le porte alle più esoteriche e strampalate teorie del “Codice da Vinci”: Maria Maddalena.
O almeno così mi è parso quando ho avuto in mano questo catalogo e ho creduto di riconoscere nella foto di sfondo il modello originario dell’Atroce Dolore.

compianto_cat

Andrò ora a recuperare altre foto da diverse angolazioni, sia della Maddalena del “Compianto”, sia dell’Atroce Dolore, per effettuare un riconoscimento degno di un “police lineup” dell’FBI.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.